Carcassa capriolo in busta rifiuti, Pecorella: atto delinquenziale - Parco Nazionale del Gargano

archivio notizie - Parco Nazionale del Gargano

Carcassa capriolo in busta rifiuti, Pecorella: atto delinquenziale

 
Carcassa capriolo in busta rifiuti, Pecorella: atto delinquenziale
“La caccia all’interno di un’Area Protetta nei confronti di un capriolo, che è un simbolo del nostro territorio, è un atto delinquenziale che non ha scusanti”. Ecco il commento di Stefano Pecorella, presidente del Parco nazionale del Gargano, alla notizia del fermo di tre persone per caccia illegale in area Parco. “Ringrazio i militari del comando di San Giovanni Rotondo – aggiunge Pecorella- per l’operazione compiuta, durante la quale è stato trovato, oltre a cinque fucili (di cui uno con matricola abrasa), un capriolo appena abbattuto e chiuso in una grossa busta dei rifiuti. Scena di grande crudeltà che rende ancora più criminale l’atto. Dietro l’uccisione del singolo animale c’è la violazione di un intero patrimonio. Le specie protette esistono perché servono a mantenere gli equilibri naturali che, una volta alterati, scompenserebbero tutto il resto. La scomparsa di una specie, quindi, significa danni enormi all’agricoltura, alla zootecnia e alla biodiversità che abbiamo all’interno dell’Area Parco”.

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (1462 valutazioni)