Trabucchi - Parco Nazionale del Gargano

Il Parco | Beni archeologici | Trabucchi - Parco Nazionale del Gargano

BENI ARCHEOLOGICI

Trabucchi

 

 

Peschici - Trabucco di Forcichella

Comune: Peschici
Modalità di fruizione:
Cronologia:

Il trabucco Forcichella si trova in territorio di Peschici a circa 8 km. dall’abitato. Il trabucco è edificato su un promontorio a forma semicircolare, interessato da numerosi insediamenti turistici frammisti alla vegetazione spontanea. La baia in cui il trabucco pesca è delimitata verso nord-ovest dalla Punta Usmai, ben riconoscibile per la presenza della Torre omonima e su cui opera un analogo trabucco.
Ad oriente, in direzione Vieste si sviluppano le frastagliate coste che preludono la baia e la palude di Sfinale, annunciate dalla omonima torre di avvistamento costiero.

 

Peschici - Trabucco di Manaccora

Comune: Peschici
Modalità di fruizione: n.a.
Cronologia:

Il promontorio di Manaccora è certamente più noto per le sue testimonianze archeologiche, ma in ogni caso esso ospita anche uno dei trabucchi peschiciani ancora in attività. Punta di Manaccora è uno stretta promontorio marino, che divide con la sua presenza la spiaggia di Manaccora originata dall’apporto del canale della Crapanese da quella di S. Nicola originata dall’apporto della valle omonima. Sul lato ovest della Baia di Manaccora è presente la famosa cavità naturale all'interno della quale è stata accertata la presenza di un nucleo umano databile all’età del bronzo (XII-XI sec. a.C). Sul promontorio è anche possibile osservare i resti di un villaggio capannicolo e la necropoli. Alla valenza archeologica si associa l'aspetto paesaggistico e naturalistico per la presenza di vegetazione mediterranea. Il trabucco è situato sul lato che guarda verso l’abitato di Peschici. D’estate il trabucco funziona come ristorante per i turisti desiderosi di mangiare il pesce appena pescato in questo incantevole scenario marino.

 

Peschici - Trabucco di Punta Usmai

Comune: Peschici
Modalità di fruizione: n.a.
Cronologia:

Punta Usmai è una delle piccole penisole affacciate nel mare Adriatico. L’area è posta ad oriente di Peschici da cui dista circa 7 km. La penisola ha una forma vagamente triangolare il cui vertice proteso verso il mare termina con un articolato ricamo di scogli e microinsenature. Sulla punta estrema di questo paesaggio di roccia si trova il trabucco e a breve distanza una torre di avvistamento costiero del XVI secolo. La roccia presenta una limitata falesia alta circa 2 metri dai quali si protendono le lunghe antenne dei pali del trabucco, tese a sostenere la rete da pesca. In trabucco ancora in attività ha dimensioni limitate e manca di un tipico gabbiotto per il ricovero delle attrezzature. Poco distante dal trabucco si trova la grotta marina detta del Riccio.

 

Peschici - Trabucco di San Nicola

Comune: Peschici
Modalità di fruizione: n.a.
Cronologia:

Ad est del promontorio che ospita l’abitato di Peschici si trova il piccolo promontorio roccioso di Punta S. Nicola. Sul lato rivolto l’abitato si trova il trabucco omonimo, con i suoi pali rivolti verso il mare, uno dei pochi ancora in attività. Dall’altra parte del promontorio è possibile infatti scorgere i resti di un altro trabucco chiamato, per distinguerlo dal precedente “trabucco di Punta S. Nicola”. Punta S. Nicola è anche un ottimo punto panoramico che consente di osservare il versante orientale dell’abitato di Peschici, le sottostanti baie e la vicina Punta di Manaccora, famosa per i suoi ritrovamenti archeologici. Le falesie attorno sono tutte punteggiate di grotte marine o che si affacciano sulle spiagge. Il trabucco di S. Nicola è edificato su una bassa scogliera, senza casotto annesso. Poco distante si trova l’edificio in legno di un ristorante. Questo elemento di connubio garantisce anche la sua persistenza nel tempo e una manutenzione delle strutture.

 

Peschici - Trabucco in località Calalunga

Comune: Peschici
Modalità di fruizione:
Cronologia:

Il promontorio di Calalunga si trova ad oriente dell’abitato di Peschici a crica 4 km. in linea d’aria. Sul versante orientale del promontorio è presente il trabucco omonimo. Il trabucco pesca quindi nella baia posta tra Calalunga e Punta Usmai. Su quest’ultima è presente un altro trabucco che pesca nella baia adiacente.
Poco distante dal trabucco di Calalunga, verso il centro del promontorio si erge la torre costiera difensiva del XVI sec. Il promontorio è incorniciato nel verde della pineta di Manaccora che ammanta i rilievi attraversati da profondi sistemi di valli carsiche. La pineta è la macchia discendono nel promontorio sin quasi al mare, interrotti solo dalla presenza di rare residenze e dagli scogli battuti dai marosi. Alla torre e al trabucco si accede attraverso una stradina che parte al centro di un tornante della strada costiera. Il trabucco è di piccole dimensioni, ma il contesto di inserimento è di grande fascino.
 

 

Peschici - Trabucco in località Monte Pucci

Comune: Peschici
Modalità di fruizione:
Cronologia:

Monte Pucci (296 m) è un rilievo posto a est ovest del promontorio su cui insiste il centro abitato di Peschici. In realtà si tratta dell’ultima parte di una lunga dorsale che montuosa che nasce in prossimità della Foresta Umbra (loc. il Parchetto, 560 m) e allunga verso il mare dando origine ad un continuum vegetale che termina con queste splendide falesie la cui parte estrema è costituita da un promontorio stretto e allungato nel mare.
Attraverso il sottosuolo di questa lunga dorsale giungono al mare le acque che sfuggono alla presa delle radici dei faggi, dei cerri e dei carpini per riemergere direttamente in mare. Qui la loro presenza diventa elemento di richiamo durante il passaggio stagionale degli avannotti.
Abbarbicati alla roccia, come i pini d’Aleppo nel legno dei quali sono forgiati stanno in questo stretto promontorio tre trabucchi, uno rivolto verso est e gli altri due verso ovest. Le loro lunghe pertiche si allungano verso il mare pronte a sostenere la pescata. Non a caso il trabucco era chiamato “la punta d’oro”.
Il loro aspetto è di grande fascino sia per il contesto di inserimento, sia la tecnica costruttiva che li fa apparire come santuari pagani dedicati alla forza di questo mare. Il principale trabucco è in attività. Il vicino ristorante, che ne ha copiato il nome, garantisce un utilizzo certo del pescato. La presenza di questo trabucco è documentata dalla seconda metà del Novecento. Lo stato di conservazione è buono per la costante manutenzione effettuata. E’ il trabucco più grande della zona. godendo di una licenza governativa di 530 mq complessivi, di cui 55 sulla costa e per l’impalcatura e 475 per lo specchio d’acqua circostante.
Il trabucco di Montepucci è il primo costruito in questa zona; il primo titolare fu Michele Lagroia, che lo lasciò in eredità alla figlia maggiore, che sposò un Fasanella. Da allora è stato tramandato in eredità: gli attuali possessori sono Matteo Fasanella e i suoi fratelli. Qualche anno fa, dopo una burrasca, esso fu seriamente danneggiato, ma è stato rimesso in piedi dal titolare.
Matteo Fasanella è un esperto di trabucchi tanto da essere l’autore del primo libro scritto sul tema. Egli racconta che un tempo la pesca, riguardava solo l'ottimo pesce azzurro.
I trabucchi hanno invece garantito la pesca di pesci di maggiore qualità e appetibilità.
IL trabucco di Monte Pucci è anche il luogo in cui sembra essersi verificato uno dei miracoli di Sant’Elia. Secondo la storia raccontata da Matteo Fasanella, verso la fine dell’estate, durante una giornata di magra pesca giunse al trabucco un frate che chiese ai pescatori l’andamento della giornata. Ma loro gli risposero che si trattava di una giornata di magra. Ma il frate li rincuorò dicendogli che sarebbe stata una giornata di grande pesca. I pescatori non gli vollero dare ascolto e stavano abbandonando il trabucco, quando uno dei pescatori trovò l’immaginetta di Sant’Elia e si accorse delle incredibile somiglianza. Fu proprio in quel momento che un altro pescatore si accorse delle reti che si erano riempite di pesce. Così uniti dallo stesso spirito cominciarono a girare gli argani. La rete venne su colma di pesci. Si voltarono allora a guardare se ci fosse ancora il monaco. Ma il frate, con un gesto del braccio, salutò tutti e sparì nel nulla.

 

1

 

 2

Vieste - Trabucco del Porto

Comune: Vieste
Modalità di fruizione:
Cronologia:

Il trabucco è situato all’interno dell’area portuale di Vieste, lungo la penisola di terra protetta a ponente dal lungo molo e verso levante dal profilo dell’isola di S. Eufemia. Su quest’ultima si staglia all’orizzonte il caratteristico faro. Anche sull’isola si possono vedere le tracce di un vecchio trabucco ormai in rovina. Il trabucco del Porto è invece operante. Una buona illuminazione lo rende un punto di attrazione per visitatori e turisti. Lo si raggiunge facilmente percorrendo la strada che costeggia il porto.

 

Vieste - Trabucco di Punta la Testa

Comune: Vieste
Modalità di fruizione: n.a.
Cronologia:

Si tratta certamente del trabucco più ad oriente dell’intero Gargano. Infatti questo trabucco è posizionato sull’affascinante promontorio di Testa del Gargano, abbarbicato alla roccia, in compagnia di secolari pini d’Aleppo che insieme al mirto, al rosmarino e alle altre essenze della macchia mediterranea inebriano l’aria di profumi. A nord del promontorio si apre la cala di S. Felice dominata dal caratteristico architiello. . La leggenda vuole che l’architiello sia stato costruito dalle Ninfe marine e dai Tritoni per accogliere il dio Nettuno. Nella cala è presente una magica spiaggetta sabbiosa immersa nel verde. Nei press idella cala si trovano anche la grotta “Contrabbandieri” e “Campana Piccola”.Verso sud invece Testa del Gargano guarda verso baia dei Campi, limitata all’orizzonte dall’Isola omonima. Il trabucco è attualmente l’ultimo funzionante del litorale garganico a sud. Le alte scogliere e le falesie meno compatte devono avere avuyto il loro peso nell’abbandono delle ultime strutture. L’ultimo segnalato verso sud, ormai in rovina è segnalato presso Cala della Pergola.

 

Vieste - Trabucco di Punta Lunga

Comune: Vieste
Modalità di fruizione: n.a.
Cronologia:

Una stretta penisola, chiamata Punta Lunga separa la spiaggia di Braico da quella di Punta Lunga. La spiaggia di Puntalunga, lunga 0,8 Km. è accessibile, come quella di Braico con facilità solo attraverso le retrostanti strutture ricettive di Punta Lunga e del Capricorno. Il fondale è basso e sabbioso per circa 50 metri. La cornice di questo tratto di costa è costituito da una corona di verdeggianti pinete e macchia mediterranea. Quasi in posizione terminale rispetto alla penisola di Punta Lunga si trova il trabucco omonimo.

 

Vieste - Trabucco di San Francesco

Comune: Vieste
Modalità di fruizione:
Cronologia:

Edificato sulla penisola di S. Francesco a ridosso dell’omonimo convento questo trabucco è considerato tra i più antichi (più di un secolo di vita) manufatti del suo genere. IL trabucco di S. Francesco gode anche di altre due particolarità la mole e la caratteristica di essere gestito dal WWF. D’estate questo trabucco è meta di numerosi visitatori perché spesso viene messo in funzione ed è possibile ammirarne il funzionamento. In alcune occasioni è anche possibile gustare il pesce appena pescato. Una illuminazione consente la visita anche in ore serali.
   Dal sito del trabucco si gode un notevole panorama marino e una piacevole vista della lunga spiaggia del castello.
La penisola mostra anche altre attrattive dalle rocce modellate dai marosi e dal carsismo alle specie vegetali tipicamente alofile (adattate a vivere in presenza di salsedine). La visita al vicino convento completa la nostra visita.
Il Trabucco è un antico strumento da pesca costruito in legno di pino d’Aleppo. Secondo alcuni storici locali il suo utilizzo risalirebbe addirittura al tempo dei Fenici e, sicuramente, rappresenta il più antico strumento di lavoro ancora in uso tra i pescatori che operano lungo le coste di Peschici, Vieste e Pugnochiuso.
Il trabucco è costituito da pali conficcati nella roccia, da un sistema di funi che trattengono una grande rete detta trabocchetto che sfrutta la confluenza delle correnti marine per intrappolare il pesce e da una tavolata, una superficie in legno al centro della quale sorge il casotto, il vero e proprio cuore nel quale il pescatore si porta di primo mattino e attende di recuperare la rete con il frutto della pesca.
La funzione e la tecnica di pesca ci aiutano a capire anche l'etimologia del nome.
Dal casotto si dipartono quattro lunghe antenne dalle quali partono altrettanti canapi legati alla rete, predisposta e adagiata sul fondo del mare. Al centro del casotto c'è l'argano rotante. Come in una catapulta, con un rapido movimento, l'argano viene fatto girare per richiamare attorno a sé le corde collegate ai quattro angoli della rete: assistiamo, in pochi istanti, alla rapida riemersione del pescato.

 

Vieste - Trabucco in localita' Molinella

Comune: Vieste
Modalità di fruizione:
Cronologia:

La spiaggia di Molinella è una spiaggia sabbiosa di media profondità, esposta ad est e racchiusa da due piccole penisole. La penisola posta a nord-ovest ha una tipica forma circolare ed è occupata da vegetazione spontanea. Sul lato che guarda la spiaggia è presente il trabucco di Molinella. Su questo promontorio è possibile ammirare anche gli innumerevoli fenomeni di micro carsismo e di erosione marina delle rocce con fori, vaschette di corrosione e piccole marmitte.
La spiaggia gode di una vista incantevole sulla città di Vieste. Vi si accede percorrendo la strada litoranea Vieste-Peschici e seguendo le indicazioni che conducono alla località “Molinella”.
A breve distanza dalla costa, verso l’interno è presente la grotta e la miniera di Selce della Defensola, uno dei luoghi più importanti per lo studio dell’uomo paleolitico.

 

Vieste - Trabucco Isola la Chianca

Comune: Vieste
Modalità di fruizione:
Cronologia:

La spiaggia di Scialmarino è una delle più lunghe ed interessanti del territorio di Vieste. E’ una spiaggia sabbiosa di media profondità, con un fondale basso e  sabbioso. Questo fondale appare ancor più accessibile in prossimità del limite occidentale della spiaggia dove è presente l’isola La Chianca. Si tratta in realtà si un tratto di costa diviso dal resto della terraferma da un piccolo tratto con acque basse. Sul limite orientale dell’isola La Chianca è presente uno dei trabucchi ancora funzionanti del Gargano.
Il limite orietnale della spiaggia è limitato da una stretta penisola occupata da un altro trabucco denominato Porticello o Scialmarino. Al centro della spiaggia sfocia il torrente Macchio, che porta le acque della vicina Valle del Tesoro, proveniente dalla Foresta Umbra.
 Si può accedere alla spiaggia percorrendo la strada litoranea Vieste-Peschici, e seguendo le indicazioni riferite alla località “Porticello”
Poco distante si trova la necropoli paleocristiana della “Salata” estesa su di un area di 6.000 mq a pochi metri dalla spiaggia. Lungo la litoranea, precedendo verso  Vieste si incontra invece la Chiesa Santuario di Santa Maria di Merino con i resti dell’annessa Villa romana di epoca imperiale (datata 63 a.c. -14d.c.).
 

 

Vieste - Trabucco S. Lorenzo

Comune: Vieste
Modalità di fruizione:
Cronologia:

Procedendo da Peschici verso Vieste, quasi in prossimità del centro urbano si incontra lungo la litoranea un bivio che in realtà rappresenta un anello attorno al promontorio di S. Lorenzo. Quest’ultimo rappresenta il limite nord-occidentale della spiaggia omonima, posta immediatamente a nord dell’abitato di Vieste. Sulla penisola, rivolta in posizione opposta rispetto alla spiaggia si erge il trabucco di S. Lorenzo, ancora funzionante, ma oggi non più in attività.
La spiaggia di San Lorenzo, come quella della Scialara, data la sua notevole vicinanza al centro del paese è molto frequentata dai viestani. Lunga circa 2 Km. è anche la spiaggia più profonda di Vieste, con i suoi 100 metri di media.
Sulla punta di San Lorenzo è sita l’omonima Chiesa rupestre (X - XII sec.). Sul lato sud della spiaggia si trova invece l’ex Convento dei Cappuccini (XVII sec.).
 

 

Vieste - Trabucco Tufara o Puzzacchie

Comune: Vieste
Modalità di fruizione: n.a.
Cronologia:

Il trabucco Tufara si trova sulla porzione terminale del promontorio di Porticello. Il promontorio occupa una posizione a nord-ovest rispetto al centro urbano di Vieste. Sullo stesso promontorio insiste una torre di difesa costiera del XVI sec. Poco distante sullo stesso promontorio sono stati rinvenuti resti di un insediamento dell’età del bronzo e i resti dell’antica struttura portuale. A circa un chilometro di distanza si trova invece l’area archeologica della miniera di selce della Defensola.

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (5515 valutazioni)