Vico - Museo Trappeto Maratea - Parco Nazionale del Gargano

Il Parco | Beni archeologici | Musei | Vico - Museo Trappeto Maratea - Parco Nazionale del Gargano

Vico - Museo Trappeto Maratea

Comune: Vico
Modalità di fruizione: n.a.

 Il principale museo di Vico del Gargano si trova all’ingresso del borgo medievale, alle spalle del Castello federiciano nel quartiere del ?Casale’ (Piazza Castello Normanno - Svevo, 9). Si tratta di un antico trappeto, frantoio privato, appartenuto alle famiglie nobili di Vico del Gargano, usato per la produzione dell’olio di oliva. L’edificio risale al 1300. Al suo interno Il Tappeto Maratea conserva intatti e originali gli ambienti, le “macchine”, le attrezzature e gli strumenti utilizzati un tempo per la produzione dell’oro giallo. Una visita al trappeto consentirà quindi al visitatore di comprendere l’antico sistema di produzione, in qualche misura progenitore non troppo lontano dell’attuale.Le olive raggiungevano il frantoio trasportate a dorso di mulo, all’interno di specifici contenitori in materiale vegetale intrecciato. All’interno del trappeto poi le olive venivano versate nelle macine in pietra (che si possono ammirare in tutta la loro grandiosità). Queste ultime venivano poste in movimento da buoi legati.Nel trappeto è possibile ammirare anche la pista circolare che veniva calpestata dagli animali. Le olive così ridotte in pasta venivano disposte sulle ?friscole’, grandi cerchi di materiale vegetale con un buco al centro per inserirle nei torchi; nel torchio in legno la pressione esercitata sui friscoli produceva la spremitura delle olive.L’olio e l’acqua ottenuti venivano raccolti in canali e vasche in pietra, nelle quali attesa la decantazione, si separava l’olio che saliva in superficie. L’olio infine veniva conservato in cisterne in pietra.Il trappeto Maratea ospita anche una tipica cucina monacesca ?a tutta camera’ dove chi lavorava e viveva nel frantoio poteva riposarsi per breve tempo e rifocillarsi. In esposizione anche un calesse, numerosi antichi strumenti per la caseificazione e gli oggetti di vita quotidiana di un tempo, come vestiti, scarpe, piatti. Il trappeto si può visitare su richiesta rivolgendosi alla biblioteca civica (0884 994666 -  bibliotecivicadelgargano@tin.it). In luglio e agosto il trappeto è invece aperto tutti i giorni dalle 18.00 alle 24.00.

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (0 valutazioni)