Manfredonia - Museo etnografico Sipontino del Centro Studi Pugliese - Parco Nazionale del Gargano

Il Parco | Beni archeologici | Musei | Manfredonia - Museo etnografico Sipontino del Centro Studi Pugliese - Parco Nazionale del Gargano

Manfredonia - Museo etnografico Sipontino del Centro Studi Pugliese

Comune: Manfredonia

Il museo Etnografico del Centro Studi Pugliesi, con sede a Siponto, frazione di Manfredonia, conserva una interessante selezione delle voci dialettali pugliesi, incise su nastro, con racconti di aneddoti di vita quotidiana, testimoniata anche da attrezzi e oggetti delle arti e mestieri dei primi del '900.
   Il legame tra le espressioni dialettali e gli strumenti di lavoro e oggetti di uso quotidiano è infatti molto stretta. Nella esposizione gli oggetti vengono quindi descritti in dialetto in tutte le loro parti mediante appositi cartelli illustrativi. Dove non era possibile l’acquisizione integrale degli oggetti (come nel caso del trabucco) si è provveduto a costruire un modello di dimensioni ridotte.
   I diversi oggetti, pur presenti in altre esposizioni, trovano in questo museo un loro inserimento contestuale grazie all’uso della lingua dialettale, ai proverbi, ai modi di dire.
   Altro interessante obiettivo del museo è quello di innestare i vari oggetti in un quadro pienamente storico della nostra civiltà e della nostra lingua.
   Il museo si articola in quattro sezioni essenziali:
   - la prima sezione è dedicata alla vita e la cultura cittadina, con temi quali la casa (gli oggetti della camera da letto, gli oggetti e l'architettura della cucina), le tradizioni (oggetti religiosi, giochi e arti casalinghe), le arti e i mestieri (gli arnesi delle categorie più varie: il fornaio, il calzolaio, il sarto, il falegname, il muratore, il fabbro, il maniscalco, il carrettiere, il carradore, il bottaio, l'acconciapiatti, l'arrotino, lo stacciaio, l'ombrellaio, ecc.);
   - la seconda sezione è dedicata all’attività agricola con informazioni sulla vita che si svolgeva negli ambienti che caratterizzano l'area sipontina: la grotta, il pagliaio, la "torre", la masseria. Per ognuno di questi ambienti è poi fornita un'elencazione (e anche un'illustrazione) diretta degli oggetti che li riguardano;
   - la terza sezione è dedicata al mare; vengono descritte nei loro termini dialettali le imbarcazioni, i vari tipi di rete, l'occorrente per la lavorazione delle reti, alcuni animali marini attraverso le valve e i gusci di mitili e gasteropodi;
   - la quarta sezione contiene una raccolta dei testi dialettali che consentono la conoscenza della terminologia e una presentazione più realistica dei vari ambienti e contesti di vita (descrizioni, racconti, dialoghi, recitazioni e canti popolari).

Il museo ha sede in Piazza Santa Maria Reggina, 2 a Siponto (tel  0884541527) ed è aperto dalle 9.00 alle 12.00. I giorni di chiusura sono la domenica e il lunedì. In estate l’orario viene prolungato anche al pomeriggio dalle 17.00 alle 20.30. L’ingresso è gratuito.

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato > (1 valutazione)