scegli la lingua
Versione italiana English version
motore di ricerca
ultima modifica: Amministratore 02/03/2012
condividi: Stampa la pagina Invia ad un amico

ARCHITETTURA RURALE, MASSERIE, JAZZI, CASINI

Architettura rurale in territorio di Carpino

Comune: Carpino
Modalità di fruizione:
Cronologia:


Il patrimonio dell’architettura rurale in agro di Carpino è in relazione alle sue caratteristiche territoriali. L’agro si estende dalla riva orientale della laguna di Varano sino a lambire la Foresta Umbra e le faggete di Monte Spigno.
L’area a ridosso della laguna e le aree collinari che circondano il centro urbano, sono caratterizzate da densi uliveti che fanno di Carpino uno dei principali centri pugliesi per la produzione di olio extravergine di oliva con numerosi premi conseguiti per la produzione del prodotto biologico.
Gli uliveti sono circondati da articolate reti di muri in pietra a secco e nelle aree collinari presentano pittoreschi terrazzamenti.
La produzione olivicola, un tempo redditizia, ha favorito la costruzione da parte di benestanti classi di agricoltori di residenze di elevato valore architettonico come i casini. Si tratta di costruzioni rurali che presentano due piani fuori terra. L’accesso ai piani superiori e garantito in genere da una caratteristica scala esterna. I vani a pian terreno erano utilizzati come stalle e magazzini, mentre, i vani al piano superiore ospitavano la cucina e i vani destinati ai proprietari che solitamente vivevano nei centri urbani. Nel territorio di Carpino sono segnalati, in relazione alla loro qualità architettonica Casino Lombardi, C. De Cata, C. Carlone, C. Russo posti tra il centro urbano e la riva di Varano, circondati da densi uliveti, Casino La Signora, sul rilievo di Monte Pizzuto, circondato da recinti in pietra a secco che narrano di un uso zootecnico dell’azienda, C. Caminizzo (ex La Tufara), edificato su uno sperone di roccia alla base del rilievo di Chiancata dell’Acero.
Quest’ultima località si trova in una vasta area posta tra i rilievi del Monte Spigno e della Foresta Umbra, aree da sempre interessate dall’allevamento del bestiame. Negli scorsi decenni esisteva anche una tradizionale transumanza interna al promontorio che ha lasciato sul territorio numerose strutture costituite da piccoli edifici per il ricovero dei pastori e per la lavorazione del latte e vasti recinti in pietra per i ricovero all’aperto delle greggi. Localmente tale struttura è definita Jazzo.
Ne sono testimonianza i resti di Jazzo Cadetto e Jazzo Caetà (oggi profondamente ristrutturato), lo stesso Jazzo Chiancata dell’Acero sul rilievo omonimo, e poi Jazzo Maria Matteo, Jazzo Funzio (anch’esso ristrutturato), Jazzo della Lepre sul versante settentrionale di Monte Vernone, Jazzo De Perna e J. Monticelli sulla sommità dello stesso rilievo.
Accanto a queste costruzioni, a carattere più povero, ma certamente di grande fascino paesaggistico, vi sono edifici più articolati come le masserie.
Per il loro pregio architettonico, sono state segnalate le Masseria Pagliacci, posta in prossimità della riva di Varano, Masseria La Masseria, posta breve distanza dalla precedente e M. La Torre Rossa, con classico aspetto di edificio con prevalente recinzione in pietra, posta sul versante settentrionale di Chiancata dell’Acero.

Risultato
  • 3
(3162 valutazioni)


Ultime Notizie Rassegna stampa
Studiosi dal mondo nelle faggete UN ... Una delegazione internazionale di esperti di faggio ha visitato nei giorni scorsi le faggete UNESCO della Foresta Umbra. Undici studiosi, provenienti da Europa, Stati Uniti, Iran e Giappone, hanno potuto apprezzare da vi ... Nasce una collaborazione con il Par ... Non è stata solo un’occasione per raccontare le bellezze naturalistiche e culturali del Conero e del Gargano, gli unici promontori calcarei della costa italiana sull’Adriatico, che con le loro rocce bianche e le famose l ...
La lontra torna nel Parco Nazionale ... Dopo 40 anni di assenza, la lontra torna nel Parco Nazionale del Gargano. Nei giorni scorsi un esemplare del mammifero Lutra lutra (inserito nelle liste rosse IUCN e considerato tra i più minacciati d’Italia) è stato rit ... Riqualificazione paesaggi costieri ... Si svolgeranno domani mattina a Cagnano Varano e domani pomeriggio a Monte Sant'Angelo, due incontri pubblici per discutere di due importanti avvisi pubblici del POR Puglia: riqualificazione paesaggi costieri e infrastrutture verdi.
Archivio notizie Clicca per vedere tutte le altre notizie del portale

Area d'accesso al portale

area riservata

Ente Parco Nazionale del Gargano - Via Sant’Antonio Abate, 121 - 71037 Monte Sant'Angelo (Fg)
Codice Fiscale 94031700712 - Partita IVA 03062280718

Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl Copyright © 2011
Carta Europea per il Turismo Sostenibile MaB - Candidatura